Mentoring: che diamine è?

23 Dicembre 2020 | dalla categoria

Santo Wikipedia ci dice:

"Il mentoring è una metodologia di formazione che fa riferimento a una relazione (formale o informale) uno a uno, tra un soggetto con più esperienza (senior, mentor) e uno con meno esperienza (junior, mentee, protégé), cioè un allievo, al fine di far sviluppare a quest'ultimo delle competenze."

Ma da Aristotele a Gandalf è un attimo

Gandalf, il mentore per eccellenza

E tutte le volte che leggo questa frase mi viene in mente il buon Aristotele che se ne andava a passeggio per i giardini con i suoi allievi: me lo immagino un po' come Gandalf, vestito di bianco, che chiacchiera placidamente di massimi sistemi; ce lo vedo mentre gesticola teatralmente, indicando il sole, gli alberi, il nulla cosmico.

Ogni tanto fa una pausa e i suoi allievi si spaparanzano al sole come tanti piccoli hobbit, e uno di loro si avvicina al maestro e si prende il suo speciale momento di mentoring: gli fa le domande che non ha avuto il coraggio di fare davanti a tutti, perché pensa che siano stupide, o perché riguardano la lezione precedente e non voleva interrompere il flusso di pensieri del suo mentore.

Dall'Antica Grecia con furore

Ok, il Signore degli Anelli non c'entra nulla, ma l'antica Grecia sì: Mentore era l'amico fidato di Ulisse, il quale gli aveva affidato l'istruzione del figlio Telemaco per prepararlo alla successione al trono (sempre santo Wiki eh, io in realtà sono ignorante come una scarpa).

Mentoring...

Mi vengono in mente anche le Mentos… Pillole rinfrescanti, ma di saggezza.

*questo è materiale da meme raga*

Da mentoring a Mentos è un attimo...

Va bene, torniamo seri.

Sai in cosa si differenzia il mentoring dal coaching?

Una parola: contenuti.

Il coach ti aiuta a tirar fuori il meglio di te e a sviluppare un metodo tutto tuo. Ti fa un sacco di domande.

Il mentore ti fornisce idee e contenuti, mostrandoti quello che nel suo percorso ha messo in pratica e "funziona".

Su tutto il resto, il mentore e il coach sono assolutamente allineati:

  • Hanno bisogno di affinità elettiva e stima reciproca per poter lavorare bene
  • Fanno dell'ascolto attivo la loro qualità migliore
  • Lavorano sull'empowerment della persona (ah, empowerment - un'altra parola da Chiocciapedia!)
  • Funzionano quando allievo e maestro si impegnano con la stessa energia

Mentoring e coaching a braccetto: perché no?

Ora: io ho chiamato il ChiocciaClub "servizio di mentoring".

Ed è un gruppo.

E ci sono una coach e una consulente a guidare il gruppo.

Ma il mentoring è one-to-one…

Lo so, ti sto confondendo le idee. Lasciami spiegare.

Nel ChiocciaClub troverai i vantaggi sia del coaching che del mentoring. Troverai persone che:

  • Ti ascoltano SUL SERIO
  • Vogliono costruire un rapporto con te, e non trattarti come un numero
  • Ti aiuteranno a tirare fuori tutto il tuo potenziale
  • Stimoleranno la tua creatività
  • Ti insegneranno come gestire il tempo
  • Ti aiuteranno a sviluppare un metodo per diventare una macchina produttiva inarrestabile
  • Tireranno fuori la parte comunicatrice che è in te, quella che sa mandare il messaggio forte e chiaro

Ci saranno momenti one-to-one, momenti di gruppo e momenti di riflessione individuale.

Insomma: vogliamo trasformarti nella versione migliore di te, carɘ freelance.

Ci stai?

Ciao! Mi chiamo Alessia e sono una covatrice digitale di freelance.
Se non ci conosciamo ancora, ti invito a leggere la mia storia qui.
Se vuoi essere aggiornat* sui prossimi articoli, iscriviti alla newsletter qui sotto!
.
Maggio: 2021
LMMGVSD
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 
P.I: 02643340066 Via Brigata Liguria 1/9A, 16121 Genova (GE)  | Fatto con ❤ e Oxygen, il site builder di WordPress più figo che ci sia
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram