Shadow ban di Instagram: cos'è e come evitarlo

10 Marzo 2021 | dalla categoria

Definizione seria, tratta da Wikipedia: "Lo shadow ban è un'azione che consente di nascondere un determinato utente dalla community oppure di rendere invisibili i contenuti da lui pubblicati ad altri utenti".

Esiste in tantissime piattaforme oltre a Instagram.

Ma cosa ti fa finire in shadow ban?

  1. Hashtag bannati.
    • Esiste una lista di hashtag che sono solitamente usati dai bot o da account che IG qualifica come "spammosi". Trovarli è molto semplice: digita un hashtag sospetto nella sezione Esplora. Ti comparirà un messaggio simile allo screenshot qui riportato. Aggiornamento al 24 luglio 2022: il messaggio d'avviso è visibile solo da mobile!
  2. Troppe segnalazioni.
    • Inneggi al nazismo, al razzismo, al suicidio? Potresti venir segnalato (da me di sicuro). Hai scritto un post al vetriolo contro tua suocera? Potrebbe vendicarsi e segnalarti.
  3. Troppe azioni in poco tempo.
    • Hai messo una riga di cuoricini a caso, come un automa? Hai scritto 100 commenti in un'ora, perché ti hanno detto che "devi interagire un sacco"? Hai inviato lo stesso messaggio in DM a un bel po' di gente, magari copiandolo e incollandolo?
    • Se ti comporti come un bot, verrai trattatə come tale. Instagram ci tiene che le nostre interazioni siano genuine e che i contenuti li leggiamo veramente. Sai perché?
      • Se non leggi i post, non vedi le sponsorizzate;
      • Se non vedi le sponsorizzate, non compri;
      • Se le sponsorizzate non funzionano, la gente smette di pagarle. E se qualcuno dice il contrario, mente sapendo di mentine.

Segue spiegone cazzeggione.

Andrea, Ciro e Beatrice sono rappresentanti di Nonna Papera, un'azienda che vende…torte. Torte di ogni tipo, eh: ogni mese aggiunge una ricetta nuova.

L'azienda non è particolarmente bacchettona, ma un paio di regole ce l'ha: dai clienti bisogna andarci vestiti decorosamente, non bisogna fare sconti di propria iniziativa e non bisogna dire fesserie sul prodotto. Semplice, no?

👉Ciro è bravo, ha una gran parlantina.
Ha un bel giro clienti e l'azienda lo sostiene fornendogli nuovi contatti.
Rispetta tutte le regole: va in giro ben vestito, ha un linguaggio appropriato e non prende iniziative se non approvate dal capo. Va d'accordo con i colleghi e organizza degli eventi in collaborazione.
Ciro è il dipendente modello.
Ciro è quello che vorremmo essere tutti.

❗️SPIEGAZIONE❗️Ciro è il profilo che lo shadow ban non l'ha mai visto. Non viola le regole, produce contenuti buoni e non cerca visibilità con degli hashtag discutibili. Non diffonde fake news, non inneggia all'odio o all'utilizzo di droghe. Non ha mai ricevuto segnalazioni e, se qualcuno lo segnalasse per invidia, la piattaforma non ne terrebbe conto - perché non c'è nulla da segnalare.
Organizza dirette con altri, non partecipa a gruppi di scambio like e non si è mai dato al follow/unfollow.
Ciro usa sì delle tecniche per crescere, ma solo quelle che Instagram ritiene corrette.
E la piattaforma lo premia, mostrandolo a più persone possibili.

👉Beatrice è in gamba, ma ogni tanto si prende delle libertà che le costano caro.
Un giorno, ha detto a un cliente che la torta di mele è dietetica. Il cliente ha chiamato Nonna Papera, incazzat* come una biscia.
Sembra una bugia innocente, ma Nonna Papera è stata chiara in merito: vendi il prodotto per quello che è, non dire cazzate.
Nonna Papera non ha licenziato Beatrice, ma le sta passando solo contatti di clienti già acquisiti. Non porterà più Beatrice agli eventi per un po' di tempo.
Beatrice guadagnerà poco, a meno che non si decida a organizzare un evento con Ciro e a cambiare strategia.

SPIEGAZIONE❗Beatrice è il profilo che crea contenuti di qualità, ma ogni tanto si fa corrompere da qualche mezzuccio per ottenere più risultati. Usa degli hashtag che Instagram non approva, perché spesso sotto quelle parole finiscono contenuti dall'etica discutibile. Mette like e commenti un po' a caso, e Instagram ha il dubbio che utilizzi qualche bot.
Non è armata di cattive intenzioni: è presa dall'esasperazione di voler fare di più. Magari non come Ciro, ma meglio sì.

👉Andrea è una causa persa: si presenta dai clienti in infradito, shorts e canotta, è spesso volgare e inappropriato. Viola le regole dell'azienda spesso e volentieri, proponendo sconti non autorizzati da Nonna Papera. Andrea non viene licenziato perché fa un po' pena, ma dovrà cercarsi nuovi clienti da solo e non gli verranno proposti nuovi contatti. Nonna Papera cerca di tenerlo nascosto il più possibile.

SPIEGAZIONE❗Andrea è il profilo che ha sperimentato qualunque forma di shadow ban. Andrea probabilmente deve darsi all'ippica.

Morale della favola

Qualunque azione tu faccia per aumentare il n° di follower e che possa essere interpretata come l'azione di un bot, ti penalizzerà.
Per questo motivo IG ha messo un limite orario al numero di like, follow, commenti, dm e ricondivisioni.
Per questo c'è una lista di hashtag il cui contenuto viene oscurato.
Per questo se inneggi all'uso di droghe o alla violenza non vieni proposto nella sezione Esplora, né compari nella ricerca per nome.

Usa la piattaforma per crescere tu, non per far crescere i numeri. Millemila follower, per far crescere un business, non servono a una benemerita ciolla.

Non sai da che parte iniziare? Posso creare un bel piano di comunicazione per te.

Ciao! Mi chiamo Alessia e sono una covatrice digitale di freelance.
Se non ci conosciamo ancora, ti invito a leggere la mia storia qui.
Se vuoi essere aggiornatə sui prossimi articoli, iscriviti alla newsletter qui sotto!
® Chioccia Digitale di Alessia Lobascio | Personal brand designer
P.I: 02643340066 | Fatto con ❤ e Oxygen, il site builder di WordPress più figo che ci sia | Credits
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram